Tour della punta della Saume
>>
Iniziale
>
>
Tour della punta della Saume
Ceillac

Tour della punta della Saume

Incorpora questo articolo per accedervi offline

Dalle zone umide dei bordi dei fiumi ai deserti rocciosi dell'ambiente alpino, una moltitudine di ambienti e paesaggi vi attendono su questo percorso.

La montagna in tutte le sue forme, questo è il tema di questo percorso. I paesaggi sono da togliere il fiato, gli ambienti, ricchi e vari e i panorami sulle vette più alte del dipartimento sono incredibili. Dei luoghi calmi e selvaggi in cui si inizia a sognare un mondo originale e incontaminato. Il percorso è lungo ma che viaggio!


7 I patrimoni da scoprire

  • Volucella trasparente

    Questo Syrphidae misura tra i 15 e i 16 mm. Predilige i boschi e i bordi degli stagni. Gli ormoni che sviluppa ingannano le vespe. Questo stratagemma consente alla femmina di deporre all'interno dei nidi di vespe. La larva, una volta aperta, si sviluppa in ectoparassita di una larva di vespa. Dopo qualche tempo, si nutre dei cadaveri delle vespe che si trovano sul fondo del nido. È dopo un periodo di letargo che finisce la sua metamorfosi e vola via in cerca di cibo e di un partner sessuale.
  • Valle glaciale del Tronchet

    Di tanto in tanto il bosco si apre per offrirci una veduta aerea sulla valle. Le valli dette a U o a imbuto si sono formate durante le ere glaciali. Sulle Alpi, l'ultima (-75000 a – 10000 anni) si chiama il Würm. L’azione dei ghiacciai ha scavato le rocce più tenere e trasportato via enormi quantità di materiale. Con il loro ritiro, hanno lasciato queste valli glaciali. Lo scorrimento delle acque crea anche delle valli fluviali.
  • Pino Cembro

    Albero di altitudine per eccellenza, il pino Arolla ( o Cembro) resiste a delle condizioni estreme. Ha una crescita molto lenta che offre un legno estremamente omogeneo. Tenero, è ideale e apprezzato dagli scultori che possono lavorarlo con il coltello. È utilizzato per la fabbricazione di numerosi oggetti. I giocattoli del Queyras e le tradizionali rose sono degli esempi. Il suo modo di diffusione è stupefacente. Poiché è la nocciolaia che consente il trasporto dei semi.
  • Marmo rosa di Guillestre

    Il marmo rosa di Guillestre è stato utilizzato in numerose costruzioni. È servito per costruire statue, fontane, piastrelle e diverse opere che si trovano nella regione. Chiamato marmo, ne ha solo l'aspetto lucidato. I geologi lo definiscono come un calcare colorato e nodulare. Vi si possono trovare dei fossili di ammoniti. Per i meno coraggiosi, andate sulla piazza di Guillestre.
  • Dal passo del curato

    Il panorama offre il Péouvou e la Roche Noire in primo piano, la catena frontaliera con l'Italia in secondo piano e il Monviso, ancora innevato, che domina il massiccio.
  • Nocciolaia

    In Francia, la nocciolaia è diffusa in modo particolare nei boschi di cembri (bosco misto di pini cembro e larici). Si nutre soprattutto di semi ma può occasionalmente mangiare dei piccoli animali. Dopo aver scavato rapidamente le pigne del pino cembro, trasporta dei semi con la sua tasca sublinguale e li nasconde per l'inverno. Ha la capacità di ritrovare i suoi numerosi nascondigli anche sotto grandi quantità di neve. Il 75% di ciò che nasconde è ritrovato. Il restante 25% aiuta il pino cembro a riprodursi e a colonizzare nuovi spazi.
  • Bosso e punto di vista

    Il bosso è omogeneo, pesante, molto denso, con una grana molto fine. È molto popolare tra gli scultori, utilizzato in varie produzioni, oggi è utilizzato soprattutto per realizzare dei giochi, dei manici di coltello, degli articoli da ufficio e degli strumenti musicali a fiato. Avrebbe anche dei poteri divinatori. Dopo aver espresso un desiderio, si gettano delle foglie in una padella. Se le foglie si gonfiano e si girano su se stesse, il desiderio si esaudirà. Il bosso della foto ha il privilegio di avere davanti un panorama eccezionale. Avviso agli innamorati…

Descrizione

Dal parcheggio, attraversare la D60 e il torrente del Mélezet attraverso una passerella in legno. Svoltare a sinistra e seguire un sentiero erboso che sale dolcemente lungo il torrente. Un percorso di salute e un antico sentiero divenuto erboso prendono la stessa direzione. Gli itinerari si incrociano regolarmente e raggiungono una barriera, 2.1 km più lontano. Svoltare a destra e prendere una salita che alterna sentieri scoscesi, altopiani e torrenti. Se la freschezza dei boschi rende la salita più gradevole,i passaggi chiari offrono una vista splendida sulla valle del Tronchet. Dopo un passaggio roccioso e ripido, continuare nel sottobosco fino a una passerella. La foresta lascia scorgere la cresta vertiginosa e austera dei Veyres che contrasta con il rigoglio della foresta e delle zone umide che costeggiano i torrenti. È possibile una deviazione (30min): attraversare la passerella e seguire il GR fino al lago Miroir. Potete contemplare il paesaggio e scattare delle fotografie ma per la pausa è meglio tornare indietro e raggiungere rapidamente una zona meno frequentata. Lasciare il GR e svoltare a destra prima della passerella. Salire lungo la riva sinistra (lato sinistro guardando il senso dell'acqua) del ruscello su un sentiero PR (segnalato in giallo). Salire il torrente e scoprire le zone umide da mille colori e ricchi di diversità. Arrivare ai piedi di un ghiaione, svoltare a destra, superare due creste, seguire il filo della seconda e raggiungere i piedi del passo del Curé salendo un pendio nel ghiaione. Il panorama è magnifico e il Monviso si scopre man mano che si sale. Il passo offre una splendida vista sulla valle dei prati. Continuare a dritto in questa valle, è il territorio dei fiori alpini e delle marmotte. Seguire questa valle fino all'ovile d'Andrevez. Aggirarlo e salire a destra. Gli ultimi 100 metri di salita sono difficili ma il panorama che si svelerà dopo questa salita merita. Risalire un pendio erboso dirigendosi a sinistra e raggiungere un sentiero roccioso che resta a livello su un pendio pronunciato. È il regno del pino cembro. Da lontano si scorgono le grandi vette del massiccio degli Ecrin, il Pelvoux, l’Ailfroide, la barra degli Ecrins e anche la Meije. Continuare fino al belvedere della Mourière. Si offre un panorama splendido su Ceillac e sulla sua valle. Scendere e raggiungere il bosco attraverso un sentiero facile. I passaggi radi sono tagliati da brevi tornanti. Continuare fino a un antico sentiero, svoltare a destra e continuare per 1.4 km. Svoltare a sinistra e raggiungere il parcheggio 30 metri più in basso.

  • Partenza : Ceillac
  • Arrivo : Ceillac
  • Comune attraversato : Ceillac

Profilo altimetro


Raccomandazioni

Il giro è lungo, si consiglia di partire la mattina presto e di controllare le previsioni meteo.


Luoghi di informazione

3580 Route de l’Izoard, 05350 Arvieux

http://www.pnr-queyras.fr/pnrq@pnr-queyras.fr+33 (0)4 92 46 88 20

Maison du Tourisme du Queyras, 05350 Château-Ville-Vieille

http://www.guillestroisqueyras.cominfo@guillestroisqueyras.com+33 (0)4 92 46 76 18

Trasporto

05 Voyageur : 04 92 502 505 Office de Tourisme du Queyras : 04 92 46 76 18


Accesso stradale e parcheggi

Seguire la D 60 fino a Ceillac. Continuare sulla D60. Parcheggiare dopo il ristorante « L’étape gourmande » o il pannello « vallée du mélezet » a sinistra.


Continua a leggere


Segnala un problema o un errore

If you have found an error on this page or if you have noticed any problems during your hike, please report them to us here: